Sostegno dai Servizi

L’affidamento prevede il mantenimento e, ove possibile, il   rafforzamento dei legami del bambino con la sua famiglia d’origine.

Il supporto agli affidatari

Gli affidatari devono ricevere dai Servizi Sociali e Sanitari le informazioni necessarie che riguardano il minore, la sua situazione familiare, la sua storia, le sue esperienze, i suoi legami e venire a conoscenza degli elementi utili per comprendere le sue difficoltà, le sue  richieste e le reazioni al nuovo ambiente. Essi devono garantire la necessaria riservatezza sulle informazioni ricevute e non divulgare a terzi quanto hanno appreso. Devono inoltre essere consultati dagli operatori anche in relazione alla  periodica verifica dell’evoluzione del progetto.
Per gli operatori realizzare un affido non significa soltanto mettere insieme la “domanda e l’offerta” ovvero, la disponibilità di una famiglia col bisogno di un bambino. Significa piuttosto seguire e portare avanti in tutta la sua complessità l’intero progetto dell’affido.
Il compito degli operatori è pertanto molteplice, si rivolge infatti contemporaneamente al bambino, alla famiglia d’origine e alla famiglia affidataria.

Come e attraverso quali modalità

La famiglia affidataria riveste una duplice ruolo: è contemporaneamente “utente del servizio”, rendendosi disponibile all’affido, e “risorsa del servizio” nel momento in cui collabora per il progetto di affido.
E’ qui necessario sottolineare che la famiglia affidataria e gli operatori del Servizio hanno un obiettivo comune:  la famiglia affidataria accoglie un bambino con lo scopo di reinserilo nel suo nucleo di origine; il servizio redige un progetto che, sulla base dei bisogni del bambino, indichi in che modo deve essere accolto dalla famiglia affidataria, in che modo può migliorare i suoi rapporti con la propria famiglia, attraverso e dopo quali fasi o cambiamenti può essere reinserito nel nucleo d’origine sostenendo la famiglia lungo tutto il percorso.

Il monitoraggio del progetto

Talvolta, nel progetto di affido possono comparire ostacoli, cambiamenti legati a comportamenti imprevedibili del bambino, di alcuni o di tutti i membri della famiglia di origine, oppure cambiamenti delle condizioni generali di vita o di salute di qualcuno degli attori del progetto. Le famiglie affidatarie sono perciò chiamate a svolgere un compito non facile. Devono innanzitutto osservare i comportamenti e le difficoltà del bambino, relazionando in merito ai Servizi. La fiducia reciproca è quindi fondamentale. Solo la condivisione delle situazioni permette agli operatori di aiutare la famiglia affidataria a tollerare sofferenze e difficoltà e meglio comprendere lo sviluppo del minore.
La presenza degli operatori del Servizio ha una frequenza che varia nei diversi momenti dell’affido, correlata alla difficoltà che l’affido incontra. Risulta particolarmente intensa nei momenti più difficili e cruciali come l’inizio, la chiusura o eventi particolari (litigi, separazioni, cambiamenti di programma, interventi dell’autorità giudiziaria) che possono riguardare la famiglia affidataria, il bambino e anche la famiglia d’origine.

Altre modalità di aiuto

Nel progetto di affido sono attivabili altri interventi legati alle necessità del minore e degli affidatari  quali, ad esempio:

    • l’affiancamento di un educatore
    • la frequenza di un doposcuola
    • una vacanza organizzata senza la famiglia affidataria

 

Scheda a cura dell’Anfaa

Quei quattrocento figli che nessuno ha voluto

La giornalista de La Stampa Flavia Amabile, nel suo articolo < quei 400 figli che nessuno ha voluto > fa un approfondimento sulla situazione dei <bambini che sono stati dichiarati adottabili da anni ma

leggi tutto

Ricerca sulle famiglie adottive con figli adolescenti

UNA IMPORTANTE RICERCA DELL’UNIVERSITA’ CATTOLICA  SULL’ADOLESCENZA DEGLI ADOTTATI: COLLABORIAMO!! Il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, da anni impegnato nello studio delle tematiche relative alla famiglia (per

leggi tutto

Libro: Un figlio venuto da lontano

[wi_media autore="Guido Cattabeni" editore="San Paolo Edizioni" anno="2005" tratta="L'adozione e l'affido come due risposte al bisogno e al diritto fondamentale di ogni bambino a crescere in una famiglia e, in conseguenza a

leggi tutto

Minori stranieri non accompagnati

Sabato 7 aprile 2018 è stato realizzato a Torino l'importante  convegno Quale affidamento per i minori stranieri non accompagnati Di seguito le relazioni: Dati della Regione Piemonte al 31 gennaio 2018 CAPRIOGLIO, 7 aprile; Intervento

leggi tutto

Delibera della Regione Piemonte in relazione alla L. 173 sulla continuità affettiva

Pubblichiamo il testo ​ della Deliberazione regionale n. 17-6714 avente ad oggetto  "Legge 19 ottobre 2015, n. 173. Modifica alla legge 4 maggio 1983 n. 184 sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine

leggi tutto

Libro: Affidamento familiare – profili fiscali, contributivi, ISEE e amministrativi

[wi_media autore="Pasquale Adesso" editore="Franco Angeli" anno="2018" tratta="Affidamento familiare. Profili fiscali, contributivi, ISEE e amministrativi" commento="<Ogni affidamento familiare nasce ed è reso possibile dal coinvolgimento di più soggetti e attori, ciascuno dei quali

leggi tutto

Minori fuori famiglia di origine: linee guida per la scuola

Un documento importante a cui l'Anfaa  ha contribuito: Linee guida per il diritto allo studio delle alunne e degli alunni fuori dalla famiglia di origine Qui l'interessante articolo  pubblicato sulla rivista  Handicap&Scuola, n. 197 gennaio-febbraio 2018 a

leggi tutto

3° Rapporto CRC alle Nazioni Unite

3° Rapporto Supplementare alle Nazioni Unite sul Monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia - Novembre 2o17 Qui l'intero rapporto: 3° Rapporto CRC. pdf

leggi tutto

Lettera aperta a una donna che non ha riconosciuto il proprio nato e vuole continuare a restare anonima

Vorremmo esprimere la nostra solidarietà alla donna che, restata incinta 29anni fa, a 18 anni a seguito di una violenza, ha scelto di portare  a termine la gravidanza e di non riconoscere la bimba che

leggi tutto

Il diritto allo studio e al benessere scolastico degli alunni in affido e in comunità.

CS CARE-ANFAA: Assicurare il diritto allo studio e al successo formativo per i bambini e ragazzi temporaneamente fuori dalla famiglia di origine. Martedì 4 ottobre 2017 l’Associazione ANFAA e il Coordinamento CARE sono state audite in

leggi tutto