Sostegno dai Servizi

L’affidamento prevede il mantenimento e, ove possibile, il   rafforzamento dei legami del bambino con la sua famiglia d’origine.

Il supporto agli affidatari

Gli affidatari devono ricevere dai Servizi Sociali e Sanitari le informazioni necessarie che riguardano il minore, la sua situazione familiare, la sua storia, le sue esperienze, i suoi legami e venire a conoscenza degli elementi utili per comprendere le sue difficoltà, le sue  richieste e le reazioni al nuovo ambiente. Essi devono garantire la necessaria riservatezza sulle informazioni ricevute e non divulgare a terzi quanto hanno appreso. Devono inoltre essere consultati dagli operatori anche in relazione alla  periodica verifica dell’evoluzione del progetto.
Per gli operatori realizzare un affido non significa soltanto mettere insieme la “domanda e l’offerta” ovvero, la disponibilità di una famiglia col bisogno di un bambino. Significa piuttosto seguire e portare avanti in tutta la sua complessità l’intero progetto dell’affido.
Il compito degli operatori è pertanto molteplice, si rivolge infatti contemporaneamente al bambino, alla famiglia d’origine e alla famiglia affidataria.

Come e attraverso quali modalità

La famiglia affidataria riveste una duplice ruolo: è contemporaneamente “utente del servizio”, rendendosi disponibile all’affido, e “risorsa del servizio” nel momento in cui collabora per il progetto di affido.
E’ qui necessario sottolineare che la famiglia affidataria e gli operatori del Servizio hanno un obiettivo comune:  la famiglia affidataria accoglie un bambino con lo scopo di reinserilo nel suo nucleo di origine; il servizio redige un progetto che, sulla base dei bisogni del bambino, indichi in che modo deve essere accolto dalla famiglia affidataria, in che modo può migliorare i suoi rapporti con la propria famiglia, attraverso e dopo quali fasi o cambiamenti può essere reinserito nel nucleo d’origine sostenendo la famiglia lungo tutto il percorso.

Il monitoraggio del progetto

Talvolta, nel progetto di affido possono comparire ostacoli, cambiamenti legati a comportamenti imprevedibili del bambino, di alcuni o di tutti i membri della famiglia di origine, oppure cambiamenti delle condizioni generali di vita o di salute di qualcuno degli attori del progetto. Le famiglie affidatarie sono perciò chiamate a svolgere un compito non facile. Devono innanzitutto osservare i comportamenti e le difficoltà del bambino, relazionando in merito ai Servizi. La fiducia reciproca è quindi fondamentale. Solo la condivisione delle situazioni permette agli operatori di aiutare la famiglia affidataria a tollerare sofferenze e difficoltà e meglio comprendere lo sviluppo del minore.
La presenza degli operatori del Servizio ha una frequenza che varia nei diversi momenti dell’affido, correlata alla difficoltà che l’affido incontra. Risulta particolarmente intensa nei momenti più difficili e cruciali come l’inizio, la chiusura o eventi particolari (litigi, separazioni, cambiamenti di programma, interventi dell’autorità giudiziaria) che possono riguardare la famiglia affidataria, il bambino e anche la famiglia d’origine.

Altre modalità di aiuto

Nel progetto di affido sono attivabili altri interventi legati alle necessità del minore e degli affidatari  quali, ad esempio:

    • l’affiancamento di un educatore
    • la frequenza di un doposcuola
    • una vacanza organizzata senza la famiglia affidataria

 

Scheda a cura dell’Anfaa

La mamma di Valentino

Rai1 trasmissione "La prima volta": Valentino, ha voluto fare una sorpresa alla sua mamma adottiva - che è stata anche una brava maestra elementare - facendola "premiare" dal programma. Da guardare su Rai play (Domenica

leggi tutto

NO all’abbassamento dell’età imputabile

L'Anfaa ha aderito al Comunicao Stampa del CNCA - Coordinamento nazionale comunità di accoglienza - per dire NO all'abbassamento dell'età imputabile da 14 a 12 anni. Qui il link di riferimento: Comunicato Stampa CNCA 

leggi tutto

Adozioni, sempre meno al Sud

Marco Giordano, del Tavolo Nazionale Affido - di cui Anfaa fa parte - ha commentato i dati relativi ai minori parcheggiati incomunità, con particolare riferimento al Centro Sud. "Donare Futuro" è una campagna - partita

leggi tutto

Firenze – Convegno “Insieme a scuola si può”

SAVE the DATE Vi anticipiamo che sabato 13 aprile 2019, dalle 9 alle 16,30, l’ANFAA organizza a Firenze con il gradito patrocinio dell’ Istituto degli Innocenti e nella sede dello stesso in 

leggi tutto

Comunicati nave Sea Watch

Le Associazioni e reti familiari aderenti al Tavolo Nazionale  affido (di cui Anfaa fa parte)  hanno emesso un comunicato stampa in relazione alle problematiche sorte per la nave Sea Watch Tavolo Nazionale affido Comunicato_stampa_sea_watch

leggi tutto

Utero in affitto e pratiche di adozione. Più che mai amare non è comprare.

Il pensiero espresso - in data 4 gennaio 2019 -  al quotidiano Avvenire dalla Dr.ssa Frida Tonizzo, segretaria nazionale Anfaa - in merito al  commento di Maurizio Patriciello all'articolo: «L’annuncio di Vendola: sì all’adozione. Per

leggi tutto

I Figli della città e le Famiglie Accoglienti

Lunedì 7 gennaio 2019 il Corriere della Sera ha pubblicato, nella pagina di Torino, un interessante inserto riguardante la possibilità per la donna di partorire in ospedale in anonimato. Si tratta di un'inchiesta di Chiara

leggi tutto

Gli Affidamenti di lunga durata

E' stata realizzata la pagina relativa al seminario  effettuato  a Torino sugli affidamenti a lunga durata, per visionare le interessanti relazioni aprire la scheda e cliccare su  Materiale del seminario sugli affidi di lunga

leggi tutto

AUGURI!

Da tutti noi di Anfaa  i MIGLIORI AUGURI DI BUONE FESTE nella speranza che ogni bambina e bambino in difficoltà possa trovare al più presto il

leggi tutto

Decreto sicurezza

In relazione alla pubblicazione del Decreto sicurezza abbiamo ricevuto questo comunicato stampa che condividiamo: A.A.A. COMUNICATO STAMPA SUL DECRETO SICUREZZA DELLE FAMIGLIE ACCOGLIENTI dei RAGAZZI RIFUGIATI “Dovrete espellere anche noi” Come famiglie che hanno un

leggi tutto