Sostegno dai Servizi

L’affidamento prevede il mantenimento e, ove possibile, il   rafforzamento dei legami del bambino con la sua famiglia d’origine.

Il supporto agli affidatari

Gli affidatari devono ricevere dai Servizi Sociali e Sanitari le informazioni necessarie che riguardano il minore, la sua situazione familiare, la sua storia, le sue esperienze, i suoi legami e venire a conoscenza degli elementi utili per comprendere le sue difficoltà, le sue  richieste e le reazioni al nuovo ambiente. Essi devono garantire la necessaria riservatezza sulle informazioni ricevute e non divulgare a terzi quanto hanno appreso. Devono inoltre essere consultati dagli operatori anche in relazione alla  periodica verifica dell’evoluzione del progetto.
Per gli operatori realizzare un affido non significa soltanto mettere insieme la “domanda e l’offerta” ovvero, la disponibilità di una famiglia col bisogno di un bambino. Significa piuttosto seguire e portare avanti in tutta la sua complessità l’intero progetto dell’affido.
Il compito degli operatori è pertanto molteplice, si rivolge infatti contemporaneamente al bambino, alla famiglia d’origine e alla famiglia affidataria.

Come e attraverso quali modalità

La famiglia affidataria riveste una duplice ruolo: è contemporaneamente “utente del servizio”, rendendosi disponibile all’affido, e “risorsa del servizio” nel momento in cui collabora per il progetto di affido.
E’ qui necessario sottolineare che la famiglia affidataria e gli operatori del Servizio hanno un obiettivo comune:  la famiglia affidataria accoglie un bambino con lo scopo di reinserilo nel suo nucleo di origine; il servizio redige un progetto che, sulla base dei bisogni del bambino, indichi in che modo deve essere accolto dalla famiglia affidataria, in che modo può migliorare i suoi rapporti con la propria famiglia, attraverso e dopo quali fasi o cambiamenti può essere reinserito nel nucleo d’origine sostenendo la famiglia lungo tutto il percorso.

Il monitoraggio del progetto

Talvolta, nel progetto di affido possono comparire ostacoli, cambiamenti legati a comportamenti imprevedibili del bambino, di alcuni o di tutti i membri della famiglia di origine, oppure cambiamenti delle condizioni generali di vita o di salute di qualcuno degli attori del progetto. Le famiglie affidatarie sono perciò chiamate a svolgere un compito non facile. Devono innanzitutto osservare i comportamenti e le difficoltà del bambino, relazionando in merito ai Servizi. La fiducia reciproca è quindi fondamentale. Solo la condivisione delle situazioni permette agli operatori di aiutare la famiglia affidataria a tollerare sofferenze e difficoltà e meglio comprendere lo sviluppo del minore.
La presenza degli operatori del Servizio ha una frequenza che varia nei diversi momenti dell’affido, correlata alla difficoltà che l’affido incontra. Risulta particolarmente intensa nei momenti più difficili e cruciali come l’inizio, la chiusura o eventi particolari (litigi, separazioni, cambiamenti di programma, interventi dell’autorità giudiziaria) che possono riguardare la famiglia affidataria, il bambino e anche la famiglia d’origine.

Altre modalità di aiuto

Nel progetto di affido sono attivabili altri interventi legati alle necessità del minore e degli affidatari  quali, ad esempio:

    • l’affiancamento di un educatore
    • la frequenza di un doposcuola
    • una vacanza organizzata senza la famiglia affidataria

 

Scheda a cura dell’Anfaa

Lettera aperta su neonati ritrovati

NON LASCIAMO SOLE LE PARTORIENTI E I GENITORI IN DIFFICOLTA’ E PREVENIAMO GLI ABBANDONI E GLI INFANTICIDI Vorremmo fare alcune considerazioni sul delicato tema del ritrovamento di neonati che vengono abbandonati, come di recente accaduto a

leggi tutto

Libro – Sostenere l’adozione

[wi_media autore="Caritas Ambrosiana, Anfaa e altri" editore="Caritas Ambrosiana" anno="2020" tratta="Riflessioni a partire da una ricerca sull'accompagnamento nel tempo delle famiglile adottive. Studio svolto a cura del Tavolo Territoriale sull'Adozione" commento="L'importanza per le

leggi tutto

Progetto CONFIDO

Si tratta di un progetto di innovazione sociale che ha l 'obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza delle pratiche di affido e di adozione e sui tutori dei Minori Stranieri non accompagnati su tutto

leggi tutto

Garante infanzia e adolescenza per codice fiscale

Si segnala la comunicazione dell'AGIA Filomena Albano inviata alla direzione dell'Agenzia delle Entrate in relazione alle problematiche relative al codice fiscale dei minori in collocamento temporaneo e in affidamento preadottivo:  Garante per Codice Fiscale

leggi tutto

Segnalazione da Anfaa su violazione privacy minori

Di seguito la lettera Anfaa per AGIA su minori CN, inviata d'intesa con la sezione Anfaa di Cuneo (al fine di evitare ulteriore diffusione dei nominativi dei minori coinvolti nel caso  certamente doloroso e

leggi tutto

Corsi on-line gratuiti della CAI

La Commissione per le Adozioni Internazionali ha aperto le iscrizioni ai nuovi corsi di formazione a distanza su diverse tematiche: giuridiche, socio-assistenziali e riferite alla scuola. Qui il link di riferimento percorsi formativi CAI-IDI 2020

leggi tutto

Sostienici con il 5xmille!

Con Anfaa dalla parte dei bambini. Sempre. La prossima persona che sosterrà Anfaa e le sue atttività? Tu! Sostenerci nel nostro

leggi tutto

Editoriale speciale Covid-19 n. 3

Editoriale speciale Gruppo CRC Il Gruppo CRC - di cui l'Anfaa fa parte -  da ormai vent’anni monitora lo stato di attuazione dei diritti dell’infanzia in Italia, ha già avuto modo di sottolineare l’urgenza e la

leggi tutto

Circolare su incontri minori affidati con genitori di origine

A seguito anche della lettera  inviata dal Tavolo delle Associazioni di famiglie affidatarie, di cui l'Anfaa fa parte, è arrivata , a firma del Presidente del T,M. e del

leggi tutto

Pubblicazioni da Autorità Garante Infanzia e Adolescenza

Sono state inviate dall'AGIA alcune interessanti pubblicazioni relative agli orfani dei femminicidi, all'ascolto del minore nei procedimenti giurisdizionali  sono stati inoltre pubblicati gli ultimi dati aggiornati al 31 .12.2017 dei minori

leggi tutto