Sostegno dai Servizi

L’affidamento prevede il mantenimento e, ove possibile, il   rafforzamento dei legami del bambino con la sua famiglia d’origine.

Il supporto agli affidatari

Gli affidatari devono ricevere dai Servizi Sociali e Sanitari le informazioni necessarie che riguardano il minore, la sua situazione familiare, la sua storia, le sue esperienze, i suoi legami e venire a conoscenza degli elementi utili per comprendere le sue difficoltà, le sue  richieste e le reazioni al nuovo ambiente. Essi devono garantire la necessaria riservatezza sulle informazioni ricevute e non divulgare a terzi quanto hanno appreso. Devono inoltre essere consultati dagli operatori anche in relazione alla  periodica verifica dell’evoluzione del progetto.
Per gli operatori realizzare un affido non significa soltanto mettere insieme la “domanda e l’offerta” ovvero, la disponibilità di una famiglia col bisogno di un bambino. Significa piuttosto seguire e portare avanti in tutta la sua complessità l’intero progetto dell’affido.
Il compito degli operatori è pertanto molteplice, si rivolge infatti contemporaneamente al bambino, alla famiglia d’origine e alla famiglia affidataria.

Come e attraverso quali modalità

La famiglia affidataria riveste una duplice ruolo: è contemporaneamente “utente del servizio”, rendendosi disponibile all’affido, e “risorsa del servizio” nel momento in cui collabora per il progetto di affido.
E’ qui necessario sottolineare che la famiglia affidataria e gli operatori del Servizio hanno un obiettivo comune:  la famiglia affidataria accoglie un bambino con lo scopo di reinserilo nel suo nucleo di origine; il servizio redige un progetto che, sulla base dei bisogni del bambino, indichi in che modo deve essere accolto dalla famiglia affidataria, in che modo può migliorare i suoi rapporti con la propria famiglia, attraverso e dopo quali fasi o cambiamenti può essere reinserito nel nucleo d’origine sostenendo la famiglia lungo tutto il percorso.

Il monitoraggio del progetto

Talvolta, nel progetto di affido possono comparire ostacoli, cambiamenti legati a comportamenti imprevedibili del bambino, di alcuni o di tutti i membri della famiglia di origine, oppure cambiamenti delle condizioni generali di vita o di salute di qualcuno degli attori del progetto. Le famiglie affidatarie sono perciò chiamate a svolgere un compito non facile. Devono innanzitutto osservare i comportamenti e le difficoltà del bambino, relazionando in merito ai Servizi. La fiducia reciproca è quindi fondamentale. Solo la condivisione delle situazioni permette agli operatori di aiutare la famiglia affidataria a tollerare sofferenze e difficoltà e meglio comprendere lo sviluppo del minore.
La presenza degli operatori del Servizio ha una frequenza che varia nei diversi momenti dell’affido, correlata alla difficoltà che l’affido incontra. Risulta particolarmente intensa nei momenti più difficili e cruciali come l’inizio, la chiusura o eventi particolari (litigi, separazioni, cambiamenti di programma, interventi dell’autorità giudiziaria) che possono riguardare la famiglia affidataria, il bambino e anche la famiglia d’origine.

Altre modalità di aiuto

Nel progetto di affido sono attivabili altri interventi legati alle necessità del minore e degli affidatari  quali, ad esempio:

    • l’affiancamento di un educatore
    • la frequenza di un doposcuola
    • una vacanza organizzata senza la famiglia affidataria

 

Scheda a cura dell’Anfaa

Appello del TNA sulla riforma della Giustizia Minorile

Vi invitiamo e leggere l'appello del Tavolo Nazionale Affido, sottoscritto anche da Anfaa che ne fa parte. Comunicato Tavolo Nazionale Affido su riforma giustizia minorile

leggi tutto

Appello sulla riforma del processo civile

CNCA, Agevolando, CISMAI, SOS Villaggi dei Bambini, CNCM, hanno sottoscritto un documento in relazione al disegno di legge disegno di legge approvato con voto di fiducia dal Senato in data 21 settembre 21 sulla

leggi tutto

Appello: il Tribunale per i minori rischia la paralisi

Dal Piemonte un forte allarme dei Magistrati: Secondo il procuratore Emma Avezzù la riforma annunciata dal Governo sommergerà di lavoro una struttura che i tagli di bilancio hanno già ridotto all’osso: pochi magistrati per migliaia

leggi tutto

Anfaa per una riforma della giustizia minorile “DALLA PARTE DEI BAMBINI”

L'ANFAA (Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie) è un’associazione che si spende quotidianamente a tutela del diritto fondamentale di tutti i bambini di vivere in una famiglia e che, dalla sua costituzione nel 1962

leggi tutto

Libro – La scuola di tutti

[wi_media autore="Autori vari" editore="CSV Vol.To" anno="2021" tratta="In questo volume l’ANFAA- che è anche componente del Fo.R.A.GS - intende offrire l’opportunità di approfondire le problematiche della diversità nel contesto scolastico e di acquisire

leggi tutto

L’affidamento familiare a parenti

ANFAA ha organizzato, nel febbraio 2020 a Torino, il Seminario “GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI A PARENTI Opportunità e criticità “  Questo Seminario ha inteso affrontare il tema degli affidamenti a parenti, finora poco

leggi tutto

Giustizia minorile: sbagliato lasciare un giudice da solo

Nella riforma della giustizia fatta a tempo di record c'è anche l'istituzione del Tribunale unico per le persone, le famiglie e i minori. Le associazioni lo definiscono un "blitz". Il collegio di quattro giudici

leggi tutto

Riforma della Giustizia: appello.

Ill.mi componenti del gruppo di lavoro parlamentare sulla tutela dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza  testo in pdf:  Appello da Associazioni e Coordinamenti  ................................................................................... Ai PARLAMENTARI dell'INTERGRUPPO INFANZIA Abbiamo molto apprezzato nel periodo tragicamente segnato dalla pandemia le iniziative

leggi tutto

Revoca adottabilità

Si segnala una importante sentenza della Cassazione in relazione alla revoca dell'adottabilità: la Corte d'Appello, quando revoca la dichiarazionedi adottabilità, deve comunque prendere in considerazione la posizione degli affidatari o collocatari. In caso contrario la

leggi tutto

Adozioni – Lo spaccato sul tema delle adozioni e un appello.

«Adozioni, la generosità non è morta: ma diamo risorse a chi aiuta gli altri» In questa analisi, firmata dal presidente del Tribunale per i minori di Milano, lo spaccato sul tema delle

leggi tutto